Lo stress può causare il mal di testa?

Vi sentite stressate e soffrite di continui mal di testa? E’ tutto nella norma secondo quanto scoperto da una ricerca scientifica condotta dall’Università di Duisburg-Essen: più si è stressati e maggiore sarà la gravità dei vostri attacchi di cefalea.

Lo studio condotto su più 5000 persone tra i 21 e i 71 anni, per la durata di due anni, ha confermato l’ipotesi dei ricercatori tedeschi. Ai volontari è stato richiesto, nel corso della ricerca, di registrare il numero di cefalee (o mal di testa) avute mese dopo mese e di indicare contestualmente il livello di stress subito attribuendogli un valore da 0 a 100. Dalle interviste condotte è emerso che chi soffriva di cefalea tensiva, la più frequente, segnalava un livello di stress intorno a punti 52 della scala di valore 0-100, chi soffriva di emicrania semplice registrava un livello di stress a punteggio 62 su 100, e punteggio 59 su 100, invece, per chi soffriva della combinazione di cefalea ed emicrania insieme. Il rapporto stress-mal di testa evidenziava, inoltre, un particolare legame confermato anche dall’aumento dei numeri degli attacchi in seguito ad un incremento, nel periodo, dei livelli di stress: per la cefalea un aumento di 10 punti dello stress corrispondeva a una crescita del 6,3% del numero di attacchi nel mese, per l’emicrania del 4,3% e per entrambi i fastidi combinati un incremento del 4%.

  • Ricerca di: Università di Duisburg-Essen
  • Conclusione: I livelli di stress determinano un maggior numero di attacchi di mal di testa

Post Correlati

Articolo pubblicato il 21 febbraio 2014 da un nostro autore

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. Dal 2014 è Dottore di Ricerca in Biologia e Medicina Sperimentale presso l’ateneo capitolino.