Perchè gli asciugamani elettrici possono essere pericolosi?

asciugamani elettrici

Avete presente quei rumorosi macchinari elettrici che ritroviamo in alcuni bagni di autogrill, centri commerciali o ristoranti e che sparano aria calda non appena avviciniamo le nostre mani per asciugarle?

Sono gli asciugamani elettrici, essiccatori alquanto discutibili sia da un punto di vista estetico che da un punto di vista dell’efficacia. L’obiettivo della loro introduzione nei bagni pubblici, però, è senza dubbio meritevole: un notevole risparmio della carta che di solito si usa per asciugarsi.

Dai ricercatori della University of Connecticut School of Medicine arriva, però, una singolare allerta: gli asciugamani elettrici sono pericolosi per la nostra salute perchè sono dei veri e propri diffusori di germi e batteri.

Gli asciugamani ad aria calda, infatti, aspirano i batteri che ritroviamo normalmente nei servizi igienici per poi trasportarli sulla superficie delle nostre mani.

Lo studio pubblicato sulla rivista Applied And Environmental Microbiology dimostra come gli asciugatori elettrici favoriscono la proliferazione dei batteri che circolano nei bagni per poi contagiare le mani dei soggetti che li utilizzano.

Gli scienziati hanno provato a mettere delle piastrelle sterili all’interno dei bagni dell’università per verificare la concentrazione di germi e batteri.

La ricerca ha dimostrato che se gli asciugamani elettrici non venivano azionati, dopo 18 ore di tempo sulle piastrelle si evidenziava una sola colonia batterica. Quando invece gli essiccatori elettrici venivano utilizzati anche solo per 30 secondi le colonie batteriche aumentavano fino ad un numero di più di 200. Neanche l’utilizzo di filtri di depurazione, inoltre, poteva prevenire la diffusione batterica: la riduzione dei germi è di circa 4 volte, infatti, ma non può essere impedita.

Secondo i ricercatori, quindi, la scelta di asciugarsi le mani con della carta è ancora la scelta più saggia e salutare che possiamo fare quando siamo in bagno.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 13 aprile 2018 da un nostro autore

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. Dal 2014 è Dottore di Ricerca in Biologia e Medicina Sperimentale presso l’ateneo capitolino.