Quanta acqua dobbiamo bere per stare bene?

bicchiere d'acqua

Qual è il giusto quantitativo di acqua giornaliero di cui il nostro organismo ha bisogno per sentirsi in forma? Secondo la comunità scientifica l’apporto corretto di acqua è di due litri al giorno, pari circa a 8 bicchieri di acqua.

Alcuni esperti, però, sembrano contrastare questa tesi scientifica sostenendo che il corpo ha bisogno di idratarsi, è vero, ma anche che è giusto bere solo quando si ha sete.

Se non abbiamo un indicatore di riferimento come, appunto i due litri di acqua suggeriti dalla scienza, come possiamo capire di quanta acqua abbiamo bisogno in un giorno?

Secondo i ricercatori la risposta è nel colore delle nostre urine: quando il colore delle urine è scuro probabilmente il nostro corpo è disidratato e abbiamo bisogno di bere di più, quando invece è trasparente o di colore giallo chiaro il nostro organismo è ben idratato.

D’altronde ogni soggetto è diverso dall’altro e non è possibile pensare ad un approccio unico che vale per tutti. Nell’apporto giornaliero di acqua vanno considerati anche altri elementi come il clima del posto dove si vive, il peso, eventuali malattie del soggetto, se si fa attività fisica, soprattutto il cibo che mangiamo.

Molti alimenti che utilizziamo sono ricchi di acqua ed idratano il nostro corpo indipendentemente dai bicchieri che consumiamo durante il giorno. Come spiegano gli esperti: <<Nella maggior parte dei casi, agli adulti è indicato bere 2,5 lt al giorno di acqua ma la maggior parte della quantità è contenuta negli alimenti>>, una considerazione che troppo spesso viene trascurata.

Quello di cui siamo certi è che l’assunzione giornaliera di acqua è essenziale per la nostra salute e non è possibile sopravvivere senza l’idratazione del nostro corpo. L’accanimento su un giusto quantitativo di acqua, però, non sembra corretto perchè va a ridimensionare l’importanza di ulteriori fattori (interni o esterni) che coinvolgono la vita del soggetto.

L’indicazione degli scienziati è quella di bere quando si ha lo stimolo della sete: bere di meno di quello che il nostro cervello ci segnala non va bene, ma anche bere di più può farci del male.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 17 aprile 2018 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.