Fare più sesso per liberarsi dai calcoli uretrali

Come posso liberarmi dai calcoli all’uretra? Se questa fosse la vostra domanda, adesso sapremmo perfettamente come rispondervi: semplice, facendo del sesso almeno tre volte alla settimana.

Secondo uno studio condotto in Turchia presso il Training and Research Hospital di Ankara e pubblicato sulla rivista di settore Urology, il metodo migliore per facilitare l’espulsione spontanea dei calcoli all’uretra non è la somministrazione di farmaci ma l’abitudine ad avere rapporti sessuali frequenti. Seguendo gli esperti: “Il movimento meccanico del rapporto sessuale e l’azione miorilassante delle endorfine rilasciate durante l’orgasmo potrebbero essere alla base di una più semplice e rapida espulsione dei piccoli calcoli posizionati nel tratto finale dell’uretere”.

L’analisi condotta che ha coinvolto 90 uomini con una diagnosi di calcolo uretrale ha suddiviso il campione della ricerca in tre gruppi differenti: oltre ad un gruppo di controllo, a qualcuno è stato richiesto di avere almeno tre rapporti alla settimana, ad altri è stato somministrato un farmaco specifico. Dopo sole 2 settimane di sperimentazione i ricercatori hanno evidenziato come nel gruppo sottoposto a terapia sessuale l’espulsione spontanea dei calcoli era circa il doppio rispetto al gruppo che seguiva la cura da farmaci (una percentuale di espulsione dell’84% contro il 47%). Ed un simile andamento, inoltre, si rifletteva in maniera più ampia nel periodo di 4 settimane al termine della ricerca.

Leggi la ricerca  Attenzione al rischio "mentale" legato al sesso occasionale

Secondo i ricercatori, quindi, oltre alle più normali raccomandazioni per sconfiggere la patologia della calcolosi renale (bere tanta acqua, camminare di più) bisognerebbe prendere in considerazione anche il ruolo dei rapporti sessuali per ridurre i tempi di espulsione. Si ricorda, infatti, che se dopo 4 settimane il calcolo non viene espulso per via naturale, diventa necessario intervenire chirurgicamente per ridurre i rischi a carico del rene.