La birra amica della fertilità dei maschi, il caffè no!

fertilità maschile

Bere birra ti rende un pò più uomo? Non solo, bere birra ti rende anche un uomo più fertile: questa la sorprendente conclusione alla quale sono arrivati alcuni ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston che hanno presentato la loro ricerca ad Honolulu nel corso dell’annuale conferenza della Società Americana per la Medicina Riproduttiva.

La birra tra i suoi numerosi effetti benefici per la nostra salute potrebbe vantare da oggi anche il ruolo di bevanda utile a migliorare e favorire la fertilità di chi la consuma.

La tesi degli scienziati arriva al termine di uno studio condotto su più di 100 uomini le cui compagne erano state sottoposte ad un trattamento di fecondazione in vitro, ovvero ad un procedimento di laboratorio in grado di consentire di fecondare l’ovulo con uno spermatozoo dall’esterno dell’utero. I maschi che hanno partecipato alla ricerca sono stati chiamati, durante il trial, a riempire un test relativo ai consumi quotidiani di alcol e caffeina.

Dalla raccolta dei dati ottenuti si è potuto evidenziare come un consumo superiore di alcol aumentava del 57% in più la possibilità della fecondazione, circa il doppio di chi, invece, registrava dei consumi più ridotti.

Di contro, invece, la caffeina evidenziava un comportamento opposto: 52% in più le possibilità di fecondare per chi ne assumeva minori quantità, solo 19% per chi era abituato ad un’assunzione più frequente.

La ricerca condotta, concludono i ricercatori, non ha ancora approfondito in che modo effettivamente caffeina o alcol possano influenzare lo sperma maschile. L’ipotesi, al momento, è che esistano delle reali modifiche sul liquido seminale, rispettivamente positive o negative e condizionate dai consumi giornalieri di birra e caffè, ma che non possono essere ancora rilevate con i test in uso.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 21 ottobre 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.