Dormire resetta la memoria

Perchè si deve dormire? Innanzitutto dormiamo per far riposare il nostro corpo e recuperare le forze necessarie, ma soprattutto dormiamo per dare una “ripulita” all’accumulo quotidiano di notizie subito dal nostro cervello. Durante la notte, infatti, il sonno ci aiuta a fare il reset della memoria e ad eliminare dal cervello tutte quelle informazioni inutili che abbiamo caricato durante la giornata e che adesso ci occupano spazio superfluo.

Questa è la conclusione della ricerca scientifica condotta da due italiani Chiara Cirelli e Guido Tononi presso l’University of Wisconsin School of Medicine. Lo studio pubblicato sulla rivista Neuron punta il riflettore sull’azione di smart forgetting (o dimenticare in maniera intelligente), momento di riposo in cui andiamo a cancellare tutti i dati inutili ed integriamo, invece, le nuove conoscenze apprese con informazioni già consolidate in memoria. Questa fase di reset, secondo i ricercatori, è fondamentale per poter ripartire il giorno seguente con un cervello più rapido ed operativo.

  • Ricerca di: University of Wisconsin School of Medicine
  • Pubblicato su: Neuron
  • Conclusione: Dormire aiuta l’apprendimento e la memoria

Post Correlati

Articolo pubblicato il 13 gennaio 2014 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.