Il sonno come indicatore dell’affinità di coppia

Volete sapere se il vostro sarà un rapporto di coppia sereno e duraturo? Nessun problema, il modo più rapido ed efficace per conoscere l’effettiva affinità con il vostro partner si misura durante le ore notturne. E’ una ricerca scientifica americana a concludere che la sintonia di coppia è comprovabile solo a letto, e forse detta così non c’è da sorprendersi, ma, è questa è la vera novità, non deve essere misurata durante i momenti di effusione o amoreggiamento, bensì quando entrambi i partner riposano.

Lo studio condotto dall’Università di Pittsburgh e guidato dalla dottoressa Heather Gunn ha confermato un certo nesso tra l’affiatamento di coppia ed i ritmi di sonno e veglia di entrambi, secondo una correlazione per la quale avere maggiore affinità vuol dire avere una maggior sintonia durante gli orari di riposo. La ricerca, pubblicata sulla rivista di settore Sleep, ha analizzato i casi di ben 46 coppie, sposate e non, monitorate durante un periodo di test di circa 10 giorni. Dallo studio condotto si è rilevato una particolare sintonia nella coppia che dorme nello stesso letto e che assume ritmi di sonno e veglia similari (circa il 75% del tempo totale è in sincronia) e che tale percentuale risulta proporzionale al grado di soddisfazione di coppia nel rapporto con il proprio partner. Un questionario compilato dai partecipanti donne allo studio ha comprovato, infatti, la tesi dei ricercatori individuando nelle persone più “serene” e che mostravano un maggior benessere un comportamento pienamente condiviso delle ore notturne confermando, quindi, che le coppie più affiatate vanno a dormire e si risvegliano insieme.

  • Ricerca di: Università di Pittsburgh
  • Pubblicata su: Sleep
  • Conclusione: Il sonno è in sincronia se le coppie risultano affiatate
Leggi la ricerca  Esiste un legame tra la luna piena e i disturbi del sonno?