L’insonnia si combatte sotto le lenzuola!

insonnia

L’insonnia è uno dei principali disturbi dell’età moderna e sono davvero numerose le cause che ci costringono ad avere un sonno non ristoratore.

Allo stesso modo, sono molteplici anche i trattamenti che possono garantirci un sonno di qualità, ad esempio mediante l’ausilio di farmaci ad hoc o anche solo con l’utilizzo di rimedi naturali ed egualmente efficaci.

Un recente consiglio che arriva dalla scienza per curare il male dell’insonnia è quello di praticare più sesso per avere un sonno migliore.

L’orgasmo può essere inteso, quindi, come una sorta di tranquillante in grado di distogliere la mente dai problemi che ci assillano e capace di restituirci un pò di serenità prima di andare a letto.

La ricerca scientifica condotta e che ha coinvolto circa 500 persone in età compresa tra i 18 e i 70 anni, ha evidenziato quanto sia difficile, oggi, riuscire a staccare il cervello da ansie e preoccupazioni per regalarsi un riposo senza più disturbi.

Solo un orgasmo soddisfacente, però, può definire la giusta tranquillità prima di andare a dormire: <<Quello che abbiamo scoperto è che il 64% dei nostri intervistati ha dichiarato che dormivano meglio quando il sesso era con un partner e terminava un orgasmo>>, dichiarano i ricercatori.

Fare sesso aiuta a dormire, quindi, ma solo se risulta soddisfacente ed appagante per entrambi i partner. In questo modo, inoltre, non solo viene garantito un sonno ristoratore ma anche il benessere e la felicità delle persone sembrano giovarne. Come concludono gli scienziati, infatti: <<Quando fai sesso, non pensi a cosa fare il giorno dopo>>, consigliando alle coppie, quindi, di sostituire il tempo trascorso davanti allo schermo del pc, dello smartphone o di casa con un pò più di intimità sotto le lenzuola.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2017 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.