Più intelligenti con un riposo maggiore

Bambini intelligenti solo se riposati, è questa la conclusione di una ricerca sul sonno dei più piccoli pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health. Il Millennium Cohort Study dell’University of London ha analizzato i condizionamenti di vita di ben 11.178 bambini basandosi per lo più sullo studio delle loro abitudini al riposo e sull’analisi dell’ambiente psicosociale circostante. I ricercatori hanno evidenziato come i bambini che vanno a letto in orari irregolari o comunque ad un’ora tarda (dopo le 9 di sera) provengano nella maggior parte dei casi da ambienti sociali svantaggiati e mostrano punteggi cognitivi molto più bassi degli altri che hanno riposi regolari o comunque di 10-11 ore di sonno al giorno.

Avere un riposo irregolare avrebbe quindi effetti negativi sulle nostre performance (sulla memoria, sulla concentrazione, sulle abilità cerebrali in generale) e questo vale per i più piccoli, così come anche per gli adulti. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry l’insonnia sarebbe tra le principali cause di un cervello “stressato” o comunque di conformazione differente rispetto alla norma. Una ricerca dell’Istituto Olandese di Neuroscienze ha misurato le dimensioni del cervello nelle persone affette da insonnia cronica andando a scoprire effettivamente una percentuale di materia grigia inferiore nelle aree del cervello legate alla nsotre condizioni di benessere e rilassamento.

  • Ricerca di: Millennium Cohort Study, Istituto Olandese di Neuroscienze
  • Pubblicata su: Journal of Epidemiology and Community Health, Biological Psychiatry
  • Conclusione: Un riposo irregolare ha effetti determinanti sulla salute del nostro cervello (nei grandi e nei piccoli).
Leggi la ricerca  Dietrofront: smartphone e tablet non creano insonnia