Quando l’aspirina può proteggerci dal cancro

Forse l’aspirina sarà l’alleato del futuro per combattere il cancro.

Ne sono convinti i ricercatori della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) che ad un congresso a Firenze hanno presentato uno studio che evidenzia come più dosi del farmaco possano ridurre il rischio di mortalità derivato dal cancro.

L’analisi scientifica presentata è stata condotta su circa 24.000 pazienti trattati con aspirina per prevenire eventi cardiovascolari.

Dai risultati è emerso che i pazienti presentavano un tasso di mortalità per tumore ridotto del 34% dopo 5 anni e del 20% dopo 20 anni.

I risultati in realtà erano già stati pubblicati sulla rivista scientifica Lancet qualche anno fa, ma altre ricerche di oggi conducono a queste stesse conclusioni. Altro dato interessante emerso dal congresso è che se in precedenza il miglioramento mediante aspirina sembrava limitato a pazienti con tumore del colon-retto, oggi i dati parlano di benefici e miglioramenti per tanti altri tipi di cancro.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 26 novembre 2013 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.