Dai germogli di broccoli in arrivo la “chemio verde”

Vi avevamo già parlato delle proprietà benefiche dei germogli di broccoli e dell’evidenza degli effetti antitumorali generati da un’alimentazione a base di vegetali del tipo brassica (broccoli, cavoli, cavolfiori). Un nuovo studio scientifico condotto in laboratorio dai ricercatori dell’University of Pittsburgh Cancer Institute è riprova di quanto già rinvenuto dai precedenti studi, e va a confermare una nuova efficacia protettiva soprattutto per chi si ritrova a combattere contro il cancro alla testa e al collo.

Partendo da un presupposto scientifico secondo il quale “Le persone guarite dal cancro della testa e del collo hanno ancora un rischio molto elevato di sviluppare un secondo tumore nella bocca o nella gola”, l’obiettivo della ricerca è quello di prevedere la creazione di un rivestimento orale in grado di evitare la formazione di nuovi tumori. La sperimentazione in laboratorio condatto sui roditori con dei test sul sulforafano, una molecola naturale in grado di ridurre gli effetti cancerogeni e che viene acquisita con la somministrazione di verdure crocifere, ha verificato una ridotta incidenza dei tumori sui topi sebbene una loro elevata predispozione per il cancro orale. Successivamente la sperimentazione è stata condotta anche su 10 volontari (sani) ai quali è stato fornito un succo di frutta contenente dei germogli di broccoli; le analisi susseguenti al trattamento hanno verificato importanti modifiche (protettive) per i tessuti a rischio presenti nella bocca convicendo, quindi, i ricercatori a programmare una nuova sperimentazione clinica non più su volontari sani ma su soggetti curati di recente da un cancro al collo o alla testa.

  • Ricerca di: University of Pittsburgh Cancer Institute
  • Conclusione: I germogli di broccoli aiutano a proteggere i tessuti orali a rischio di cancro