Fare attività fisica per proteggersi dal cancro

Fare dello sport o comunque fare dell’attività fisica rappresenta, senza dubbio, un toccasana per la nostra forma fisica e mentale; l’importante, però, come condiviso anche con altri lavori di ricerca, è evitare l’esagerazione e commisurare lo sforzo al nostro equilibrio di salute.

Una nuova ricerca scientifica condotta presso il National Cancer Institute e pubblicata sulla rivista JAMA Internal Medicine conferma che fare attività fisica può ridurre il rischio di un individuo di ammalarsi di cancro.

I ricercatori statunitensi hanno individuato ben 13 tipi di cancro dai quali potersi proteggere semplicemente svolgendo dell’esercizio fisico con regolarità, e per alcuni di essi, la riduzione del rischio di insorgenza è di oltre il 20% (esempio, per cancro al fegato -27%, tumore al polmone -26%, cancro ai reni -23%) ma una diminuzione è legata anche al cancro al colon, alla testa, alla vescica o al seno anche se in misura ridotta.

Per giungere a queste conclusioni gli esperti hanno approfondito i dati di più di 1 milione di persone, americani ed europei nella fascia d’età 19-98 anni, analizzandone le abitudini di vita per un tempo di ben 11 anni. Ai partecipanti allo studio è stato richiesto di indicare la tipologia di attività fisica svolta ed il periodo di esercizio interessato. Al termine della ricerca una parte del campione analizzato (circa 200.000 persone) si è ammalata di tumore, ma, i soggetti per i quali si registrava una regolare attività fisica, hanno evidenziato un rischio minore di insorgenza di tumori del 7%.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 18 maggio 2016 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.