Il dolcificante è causa di un aumento del rischio di leucemia?

Può una sostanza utilizzata per dolcificare le nostre gustose ricette di cucina risultare pericolosa per la nostra salute? Secondo il parere di alcuni ricercatori italiani esisterebbe un legame scientifico che può mettere in relazione l’utilizzo di un noto dolcificante con l’aumento del rischio di leucemia.

Il dolcificante in questione è il sucralosio, appunto un dolcificante artificiale utilizzato, il più delle volte, come alternativa ipocalorica al più comune zucchero. Il sucralosio può essere ritrovato in migliaia di prodotti alimentari (sia cibi che bevande) in commercio, è circa 600 volte più dolce dello zucchero, e può essere indicato all’interno delle confezioni con la sigla E955.

Lo studio condotto dagli esperti dell’Istituto Ramazzini e pubblicato sull’International Journal of Occupational and Environmental Health, ha sperimentato su circa 800 topi in laboratorio un’alimentazione a base di sucralosio. Al termine della ricerca è stato confermato un aumento dell’incidenza di tumori, incluso la leucemia, soprattutto nei roditori di sesso maschile.

Leggi la ricerca  I telefoni cellulari possono davvero causare il cancro?

Il lavoro di ricerca è stato ampiamente criticato dall’azienda produttrice del dolcificante che ha respinto le accuse dichiarando che esisterebbero oltre 110 studi condotti negli ultimi 20 anni che hanno esaminato il dolcificante dimostrando che “non c’è legame tra sucralosio e cancro”. Nuove ricerche adesso dovranno prendere in considerazione l’ipotesi degli scienziati italiani per dimostrare la reale sicurezza per la nostra salute dell’uso del sucralosio in cucina.