Possiamo combattere il cancro con dei batteri intestinali?

batteri intestinali

Si, secondo i ricercatori dell’università di Singapore il cancro al colon, uno dei tumori con la più elevata incidenza al mondo, può essere contrastato con l’ausilio di batteri intestinali.

La ricerca condotta dal team di scienziati malesi ha portato alla realizzazione di un cocktail di batteri in grado di attaccare le cellule cancerose e di lasciare intatte quelle sane. I batteri coinvolti sono una forma modificata in laboratorio degli Escherichia Coli Nissle, un tipo di batteri che si trova naturalmente nel nostro intestino.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Biomedical Engineering, spiega come sono stati ingegnerizzati i batteri con l’utilizzo dell’estratto di broccoli per renderli capaci di attaccare le cellule cancerose del colon-retto.

Già altre ricerche condotte in passato, d’altronde, avevano verificato le capacità di protezione antitumorale delle verdure crucifere, come appunto i broccoli. I batteri agiscono sulla superficie cellulare rilasciando un enzima in grado di convertire una sostanza presente naturalmente nei broccoli in un potente agente antitumorale capace di uccidere le cellule malate.

Per le cellule sane, invece, questa particolare risposta di conversione alla tossina rilasciata non avviene e non vengono attaccate. I batteri ingegnerizzati con l’estratto di broccolo, quindi, possono essere mortali solo per le cellule cancerose del colon-retto.

Dai risultati ottenuti ad oggi, gli esperti hanno dimostrato che i batteri intestinali creati sono in grado di uccidere il 95% delle cellule tumorali in vitro e il 75% in vivo, così come verificato con gli esperimenti condotti in laboratorio.

Post Correlati

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2018 da:

Paolo Carta è nato a Roma il 10 gennaio 1978. Dopo la maturità scientifica consegue un Diploma Universitario per Tecnico Sanitario di Laboratorio presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2008 intraprende la carriera universitaria presso Tor Vergata (Roma) e consegue una laurea specialistica in Biotecnologie Mediche. E’ il responsabile editoriale del portale sin dalla sua messa online.