Una terapia americana per curare la sordità

Mai sentito parlare di cellule ciliate? Le cellule ciliate, presenti in numero elevato in ciascuno orecchio (circa 16000), si occupano di inviare i suoni al sistema uditivo, ovvero di trasformare gli impulsi meccanici, generati dalle onde sonore, in impulsi nervosi. In caso di un loro danneggiamento, a seguito di abitudini scorrette come ad esempio l’utilizzo “incauto” di lettori mp3 o simili, le cellule ciliate non sono più in grado di rigenerarsi ed il loro danneggiamento può causare sordità parziale o addirittura totale.

Secondo i ricercatori dell’Harvard Medical School e del Massachusetts Eye and Ear Infirmary, in realtà le cellule ciliate possono essere rigenerate andando a ripristinare l’udito in tutte quelle persone in cui la sordità è stata indotta, ad esempio, da un rumore elevato. Lo studio pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports conferma che a seguito dell’inibizione di un particolare recettore, il recettore Notch, è possibile aumentare la formazione di nuove cellule ciliate grazie anche alla presenza di alcune cellule vicine in grado di trasformarsi, appunto, in cellule ciliate. Sebbene al momento l’analisi è stata condotta esclusivamente su topi giovani, grazie a questa scoperta, secondo i ricercatori americani, in futuro sarà possibile prevedere una terapia efficace per combattere la sordità.

  • Ricerca di: Harvard Medical School, Massachusetts Eye and Ear Infirmary
  • Pubblicata su: Stem Cell Reports
  • Conclusione: E’ possibile rigenerare le cellule ciliate ripristinando la perdita di udito
Leggi la ricerca  La voce delle donne provoca stanchezza negli uomini