paradontite

Prevenire la parodontite con l’aiuto dei kiwi!

Abbiamo detto più e più volte che la migliore prevenzione per ridurre il rischio di problematiche di salute o malattie si realizza a tavola con delle corrette abitudini alimentari.

Anche la cura dei nostri denti, ad esempio, è possibile grazie al semplice consumo di cibi sani e naturali come la frutta e la verdura.

Per evitare la parodontite, ad esempio, secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Pisa basterebbe mangiare due kiwi al giorno.

Ma cos’è la parodontite? La parodontite è un’infiammazione del cavo orale dovuta alla presenza di batteri che possono trovarsi nella saliva ed essere facilmente trasmessi da persona a persona semplicemente mediante un bacio. La parodontite determina il distacco dei denti dall’alveolo, con conseguenze di mobilità dentale, sanguinamento gengivale, ascessi e così via.

La parodontite deve essere curata per tempo perchè, un pò come tutte le malattie, il trascurarla può portare a conseguenze di salute anche più gravi come, in questo caso, la caduta dei denti. Una corretta igiene orale serve proprio a prevenire patologie del genere e a favorire la salute dentale ma, come detto, anche il consumo di cibi sani può aiutare a ridurre i rischi di insorgenza.

Leggi la ricerca  Il consumo di fragole per combattere il tumore al seno!

La ricerca scientifica realizzata ha dimostrato come la semplice assunzione di 2 kiwi al giorno può garantire la prevenzione dalla malattia paradontale; come confermano anche i ricercatori nelle conclusioni dello studio: <<Questa abitudine ha infatti determinato una riduzione significativa del sanguinamento gengivale rispetto ai pazienti che non assumevano i kiwi continuando così le loro abitudini alimentari consuete>>.

Nel campione analizzato, infatti, chi mangiava kiwi giornalmente ha visto ridurre l’infiammazione e il distacco tra gengive e denti, mentre il gruppo di controllo che non ha consumato i kiwi regolarmente e non ha beneficiato degli effetti positivi del frutto ha visto progredire la malattia verso uno stato di infezione maggiore.